Grano saraceno 

Che cos’è? quali sono le sue proprietà?

Per le sue caratteristiche nutrizionali e l’impiego alimentare, questo vegetale è stato sempre collocato tra i cereali, ma si tratta invece di una specie di pianta a fiore appartenente alla famiglia delle Poligonacee. Dato che non contiene glutine, è un ottimo sostituto del grano per gli intolleranti e per i celiaci.

I chicchi di grano saraceno possono diventare, previa cottura, protagonisti di molti fantasiosi primi piatti, mentre la farina può essere usata come sostituto per la preparazione di pane, pasta e dolci.

Quali sono le sue proprietà?

  • facilmente digeribile poiché composto principalmente da amido
  • privo di glutine
  • proteine con un buon valore biologico: contiene amminoacidi essenziali come lisina, treonina e triptofano e anche amminoacidi contenenti zolfo
  • ricco di sali minerali (ferro, fosforo, rame, zinco, selenio e potassio)
  • antiossidante e antinfiammatorio
  • contiene diverse vitamine del gruppo B e flavonoidi
  • valido alleato per chi deve tenere sotto controllo la pressione alta o il colesterolo

Grano saraceno al ragù di lupini

Preparazione 20 minuti
Cottura 30 minuti
Tempo totale 50 minuti
Porzioni 2

Ingredienti

  • 100 g di grano saraceno pesati a secco
  • 150 g di lupini pesati a secco oppure 250 g di lupini in salamoia
  • 200 g di pomodori freschi
  • 40 g di pomodori secchi
  • qb sale
  • qb origano
  • qb peperoncino
  • qb basilico fresco
  • qb olio evo

Procedimento

  1. Cucinare il grano saraceno seguendo le istruzioni riportate sulla confezione. Generalmente va sciacquato abbondantemente e poi portato ad ebollizione con il doppio quantitativo d’acqua. Quando inizia a bollire, cucinare a fuoco basso fino a quando l’acqua sarà completamente assorbita. Nell’acqua consiglio di mettere un cucchiaino di sale;
  2. Dopo aver lasciato in ammollo i lupini per almeno 12 ore, cucinarli in pentola a pressione oppure sbollentarli in pentola fino a quando saranno ben cotti;
  3. Togliere la buccia dei lupini (sia se cucinati da lessi, sia se comprati in salamoia);
  4. Mentre il grano saraceno e i lupini si cucinano, lavare i pomodori e il basilico;
  5. Quando i lupini saranno pronti tenere da parte 4 cucchiai e frullare il resto con i pomodori freschi e secchi, un pizzico di sale e le spezie;
  6. In un piccolo mixer frullare a parte anche il resto dei lupini in modo da ottenere una consistenza “simile” al formaggio grattugiato;
  7. Riscaldare il ragù di pomodoro e lupini;
  8. Una volta che anche il grano saraceno è pronto, servitelo con il ragù di lupini, una cucchiaiata di “formaggio”, un cucchiaino d’olio evo e del basilico a piacere.